Creatività

57.1459_ph_web

Come noi l’artista ha momenti di quiete in cui la creazione è vissuta; poi lo mette in pittura, in musica, in forma. La sua espressione assume un grande valore per averlo dipinto, è il suo lavoro. L’ambizione, la fama diventano importanti e in una lotta infinita e stupida viene catturato. Contribuisce così alla miseria, all’invidia e allo spargimento di sangue, alla passione e alla malattia. Più si perde in questa lotta e più perde la sua sensibilità, la sua vulnerabilità alla verità. I suoi conflitti mondani oscurano la gioiosa chiarezza anche se la sua capacità tecnica lo aiuta a continuare con le sue visioni vuote e indurite. Ma noi non siamo grandi artisti, musicisti o poeti; non abbiamo regali o talenti speciali; non ci esprimiamo attraverso marmo, pittura o attraverso la ghirlanda di parole. Siamo nel conflitto e nel dispiacere ma anche noi abbiamo momenti occasionali dell’immensità della Verità. Poi ci dimentichiamo momentaneamente, ma presto rientriamo nella nostra turbolenza quotidiana, soffocando e indurendo la nostra mente. Il cuore e la mente non sono mai in silenzio; se lo sono, è il silenzio della stanchezza, ma questo stato non è il silenzio della comprensione, della saggezza. Questa creativà attesa non è prodotta dalla volontà o dal desiderio; viene in essere quando il conflitto del sè cessa. Il conflitto cessa solo quando c’è una rivoluzione completa in tutti i valori, non una mera sostituzione. Attraverso la consapevolezza di sé il cuore e la mente possono liberarsi da tutti i valori; questa trascendenza di tutti i valori non è facile, non viene con pratica ma con l’approfondimento della consapevolezza. Non è un dono, un talento dei pochi, ma tutti coloro che ne sono ardentemente desiderosi possono sperimentare la realtà creativa.

joan miro 196

Domanda: L’artista è talvolta menzionato come uno che ha questa comprensione di cui parli, almeno durante il lavoro creativo. Ma se qualcuno lo disturba o lo attraversa, può reagire violentemente, scusando la sua reazione come una manifestazione di temperamento. Ovviamente non sta vivendo completamente in questo momento. Capisce veramente se scivola facilmente in auto-coscienza? Krishnamurti: Chi è la persona che tu chiami un artista? Un uomo che è momentaneamente creativo? Per me non è un artista. L’uomo che solo in momenti rari ha questo impulso creativo ed esprime quella creatività attraverso la perfezione della tecnica, sicuramente non lo chiamerebbe un artista. Per me, il vero artista è colui che vive completamente, armoniosamente, che non divide la sua arte dal vivere, la cui stessa vita è quella espressione, se sia un’immagine, una musica o il suo comportamento; che non ha separato la sua espressione su tela, musica o pietra dal suo comportamento quotidiano, vivendo quotidianamente. Ciò richiede la massima intelligenza e la massima armonia. Per me il vero artista è l’uomo che ha quella armonia. Può esprimerlo su tela, o può parlare o dipingere; o non può esprimere affatto, può sentirlo. Ma tutto questo richiede che il preciso equilibrio, quell’intensità della consapevolezza e pertanto la sua espressione non sia separata dalla continuità quotidiana di vita.

Henri-Matisse-Icaro

Tuttavia si parla spesso della persona creativa. Chi è se non è l’artista, il poeta, il costruttore? Krishnamurti: È l’artista, il poeta, il costruttore, necessariamente la persona creativa? Non è anche alla ricerca di lusinghe, mondano, cercando un successo personale? Così non contribuisce al caos e alla miseria nel mondo? Non è responsabile delle sue catastrofi e dei dolori? È responsabile quando cerca la fama, è invidioso, quando è mondano, quando i suoi valori sono sensuali? Perché ha un certo talento questo rende l’artista una persona creativa? La creatività è qualcosa di infinitamente più grande della semplice capacità di esprimere; mera espressione di successo e il suo riconoscimento non costituisce sicuramente creatività. Il successo in questo mondo implica, il mondo dell’oppressione e della crudeltà, dell’ignoranza e della malattia? L’ambizione produce risultati, ma non porta con sé la miseria e la confusione per colui che ha successo e per il suo prossimo? Lo scienziato, il costruttore, può aver portato alcuni vantaggi, ma non hanno portato anche distruzione e indebita miseria? È questa creatività? È creatività impostare l’uomo contro l’uomo come i politici, i governanti e i sacerdoti stanno facendo? La creatività nasce quando c’è la libertà dalla schiavitù della voglia con il suo conflitto e il dolore. Con l’abbandono del sé con la sua assertività spietata e le sue infinite lotte per diventare, arriva la realtà creativa. Nella bellezza di un tramonto o di una notte, non hai mai sentito una gioia intensa e creativa? In quel momento, il sé è temporaneamente assente, sei vulnerabile, aperto alla realtà. Questo è un evento raro e ignorato, fuori dal tuo controllo, ma una volta sentito la sua intensità, l’ego richiede ulteriore godimento, e così comincia il conflitto. Tutti abbiamo sperimentato la temporanea assenza del sé e abbiamo sentito in quel momento la straordinaria estasi creativa, ma invece di essere rari e accidentali non è possibile realizzare lo stato giusto in cui la realtà è l’essere eterno? Se cercate l’estasi allora sarà l’attività del sé, che produrrà determinati risultati, ma non sarà lo stato che viene attraverso il giusto pensiero e la giusta meditazione. I modi sottili del sé devono essere conosciuti e intesi perché con la conoscenza di sé viene il giusto pensare e meditare. Il pensiero giusto viene con il flusso costante della coscienza di sé, la consapevolezza delle azioni mondane e delle attività nella meditazione. La creatività con la sua estasi viene con la libertà dal volere, che è virtù. Domanda:

joan-mirc3b2-la-ballerina-1925

Qual è il posto dell’arte nell’istruzione? Krishnamurti: Non so proprio cosa intendi con l’arte. Vuoi dire appendere i quadri nella tua stanza scolastica, o intendi aiutare il bambino a disegnare un quadro secondo un modello, perché hai imparato una piccola tecnica? O intendi insegnare al bambino di essere sensibile – non a te come insegnante o a quello che dici, ma sensibile alle miserie, alle confusioni, ai dolori della vita? Vuoi semplicemente insegnargli come dipingere, o vuoi che lui sia sveglio all’influenza della bellezza – non di un particolare quadro o di una statua, ma la bellezza stessa? Signore, nella civiltà moderna, la bellezza apparentemente è solo sulla superficie della pelle: come vestite, come dipingi il tuo volto, come pettini i capelli, come camminate. Stiamo discutendo dell’arte, se la bellezza sia in superficie o sia questione d’amore; se è esteriore o che comprende il processo interno del pensiero Come la nostra società è costruita, siamo più preoccupati per l’espressione esteriore, con l’aspetto, con il sari, che con quello che è interno. Non importa cosa sei dentro, ma devi presentare un aspetto rispettabile – mettere su make-up, rossetto. Non importa come relazioni dentro con l’amore. Quindi, siamo più interessati alla tecnica che al vivere, con mera espressione che con l’amore. Pertanto, usiamo le cose estranee come mezzo per coprire la nostra bruttezza interiore, la nostra confusione interna. Ascoltiamo la musica per sfuggire al nostro dolore. In altre parole, diventiamo spettatori e non i giocatori. Per essere creativi, dovete conoscere voi stessi e conoscere se stessi è estremamente difficile; ma imparare una tecnica è relativamente facile. Quindi, quando parli dell’arte nell’istruzione, non so esattamente che cosa intendi. Ovviamente, le influenze ambientali esterne hanno il loro posto; ma quando l’esterno è sottolineato, la confusione interiore non è capita, e quindi la comprensione intima, la bellezza interiore, è negata; e senza bellezza interiore, come può esserci la sua espressione esteriore? E per coltivare la bellezza interiore bisogna innanzitutto essere consapevoli della confusione interna, della bruttezza interna, perché la bellezza non si forma in sé. Per essere sensibili alla bellezza bisogna capire i brutti e i confusi; ed è solo quando c’è ordine dalla confusione che c’è bellezza.

kandinsky

Il freddo era stato troppo grave, era sotto il congelamento; la siepe era stata bruciata dal gelo, le foglie brune erano cadute; il prato era marrone grigio, il colore della terra; fatta eccezione per alcuni fiori e rose gialle, il giardino era nudo. Era stato troppo freddo e i poveri, come al solito, soffrivano e morivano; la popolazione stava esplodendo e la gente moriva. Li vedevi rabbrividire, con appena una cosa addosso, in stracci sporchi; una vecchia stava tremando dalla testa ai piedi, abbracciandosi, i pochi denti chiacchieravano; una giovane donna si lavava vcon un panno strappato dal fiume freddo [la Yamuna) e un vecchio tossiva profondamente e pesantemente i bambini giocavano, ridevano e gridavano. Era un inverno eccezionalmente freddo; dicevano e molti morivano. La rosa rossa e fiori gialli erano intensamente vivi, brucianti di colore; non potevi togliere gli occhi da loro e questi due colori sembravano espandersi e riempire il giardino vuoto; anche se i bambini gridavano, quella vecchia donna tremolante era dappertutto; l’incredibile giallo e il rosso e la morte inevitabile. Il colore era dio e la morte era al di là degli dèi. Era ovunque e così anche il colore. Non potevi separare i due e se lo hai facevi allora non c’era vita. Né potevi separare l’amore dalla morte e se lo facevi non era più bellezza. Ogni colore è separato, ma c’è solo colore quando si vede ogni colore diverso come un solo colore, allora è solo splendore dei colori. La rosa rossa e i fiori gialli non erano diversi colori ma colore che riempiva il giardino nudo con gloria. Il cielo era azzurro, azzurro di un inverno freddo e senza pioggia, ma era l’azzurro di tutti i colori. Lo hai visto e tu eri lui; i rumori della città svanirono, ma il colore, impercettibile, sopratutto

Blue-II-1961-Joan-Miro

Non deve essere adottata una pratica definitiva per porre fine a questo deterioramento, a questa inefficienza e alla pigrizia della mente “, ha chiesto il funzionario del governo. La pratica o la disciplina implica un incentivo, l’acquisizione di una fine; e non è questa un’attività egocentrica? Diventare virtuosi è un processo di interesse personale che porta alla rispettabilità. Quando coltivi in ​​te stesso uno stato di non violenza, sei ancora violento con un nome diverso. Oltre a tutto questo, c’è un altro fattore degenerante: sforzo, in tutte le sue forme sottili. Questo non significa che si supporti la pigrizia. “Buon cielo, signore, stai prendendo ogni cosa da noi!” esclamò il funzionario. “E quando ti prendi tutto via, cosa c’è di noi? Niente!” La creatività non è un processo di divenire o di conseguire, ma uno stato d’essere in cui lo sforzo di sé è totalmente assente. Quando il sé fa uno sforzo per essere assente, il sé è presente. Tutto lo sforzo da parte di questa cosa complessa chiamata la mente deve cessare, senza alcun motivo o incentivazione. “Significa che la morte non lo è?” Morte a tutto ciò che è conosciuto che è il ‘me’. È solo quando la totalità della mente è ancora, che la creatività, l’anonima, si forma. “Cosa intendi per la mente?” Chiese l’artista. Il cosciente e l’inconscio; le incursioni nascoste del cuore così come i suoi armoniosi battiti.
Jiddu Krishnamurti

van-gogh-paesaggio-con-covoni-di-grano-e-luna-che-sorge-1889

L’energia suprema

S-6103low

L’idea che ci facciamo dell’energia e del tutto diversa da quel fatto che è l’energia. Usando concetti e formule, vorremmo far affiorare un’energia della più alta qualità. Ma nessuna formula potrà mai trasmettere quella qualità dell’energia che è costante rigenerazione e rinnovamento.

…La forma suprema di questa energia, il suo culmine, e quello stato della mente nel quale non affiora alcuna idea, alcun pensiero, alcuna scelta, alcun motivo. Quello stato e pura energia. Non ci si può mettere a cercare quest’energia. Non potete chiedere: “Dimmi che cosa devo fare per averla, qual e il modus operandi”. Non c’eun modo per ottenerla. Se vogliamo scoprire per conto nostro la natura di quest’energia, dobbiamo cominciare a capire come consumiamo la nostra energia quotidiana, quando parliamo, quando ascoltiamo cantare un uccello o una persona, quando guardiamo un fiume, l’immensità del cielo e gli abitanti di un villaggio, sporchi, affamati, malati; o quando guardiamo un albero che diventa sempre più scuro nella penombra della sera. L’osservazione di qualsiasi cosa è in se stessa energia. Quest’energia la traiamo dal cibo, dai raggi del sole. L’energia fisica di cui disponiamo quotidianamente può ovviamente essere aumentata, migliorata, mangiando cibi di qualità e così via. È necessario preoccuparsi di questo. Ma quando quella stessa energia diventa energia psichica, cioè energia che alimenta il pensiero, e accoglie in sé delle contraddizioni, va completamente sprecata.

7.

 

J Krishnamurti

Creativita’

 

L’energia creativa

La questione è: esiste un’energia che non faccia parte del campo del pensiero, che non nasca dalla contraddizione, che non sia frutto di un’imposizione, che non scaturisca dalla frustrazione per non essere arrivati al successo? Avete capito la domanda? Spero di essere stato chiaro. Perché, se non scopriamo quell’energia che possiede una qualità che non ha nulla a che fare col pensiero e con l’energia frammentaria e meccanica del pensiero, la nostra azione sarà distruttiva, qualunque cosa faremo, sia che ci occupiamo di riforme sociali, che scriviamo ottimi libri, che concludiamo buoni affari, che alimentiamo i nazionalismi o ci dedichiamo alla politica. Chiediamoci se questa energia esiste realmente, non in teoria, perché, quando si tratta di affrontare i fatti, inventarsi delle teorie è davvero un segno di infantilismo e di immaturità. È come quando una persona deve essere operata di cancro: è inutile che vi mettiate a discutere su quali strumenti verrànno usati; dovrete affrontare il fatto che quella persona sarà operata. Allo stesso modo, la mente deve smettere di essere schiava del pensiero. Il pensiero opera nel tempo e produce continuamente invenzioni: qualsiasi genere di apparecchiatura, gli aerei a reazione, i frigoriferi, i razzi, l’esplorazione dell’atomo e dello spazio sono frutto del pensiero e della conoscenza che il pensiero ha accumulato. Tutte queste cose non hanno nulla a che fare con la creazione; inventare non è creare; la capacità di fare qualcosa non c’entra con la creazione. Il pensiero non sarà mai creativo, perché e sempre condizionato e quindi non sarà mai libero. Solo quell’energia che non è un prodotto del pensiero è creativa.

J.Krishnamurtitumblr_or84ceLM721skxc0ho1_1496916738_cover